L’INTELLIGENZA MISURATA DAL SENO

Immagine
Una straordinaria ricerca effettuata da un gruppo di Scienziati dell’Università di Chicago, finanziata non si sa da chi, ha dato alla luce ad una fenomenale, quanto inaspettata, verità. Sono state prese in esame 1.200 donne, divise in 5 gruppi distinti per taglie di seno, dalla prima alla quinta misura. I ricercatori hanno sfatato un mito, dimostrando che le donne con la quinta misura sono più intelligenti. Quindi possiamo dire con dati di fatto che c’è una relazione tra seno e quoziente intellettivo, denominato QI, ma questa relazione non ha la tendenza che si presupponeva prima, bensì è contraria. L’esame ha dimostrato che il quoziente intellettivo delle donne cresceva proporzionalmente con la misura del seno e le donne con la 5^ misuera si sono dimostrate più intelligenti. Le cause di ciò sono al momento ignote, ma solo per il momento. “Naturalmente”, è il caso di dire, i seni rifatti non fanno testo. Quindi anche gli uomini attratti dai decolté più generosi non son

Associato

ORME SULLA SABBIA DI MARGARET FISHBACK POWERS

orme sulla sabbia


Questa notte ho fatto un sogno,
ho sognato che ho camminato sulla sabbia
accompagnato dal Signore
e sullo schermo della notte erano proiettati
tutti i giorni della mia vita. 
Ho guardato indietro e ho visto che
ad ogni giorno della mia vita,
apparivano due orme sulla sabbia:
una mia e una del Signore.
Così sono andato avanti, finché
tutti i miei giorni si esaurirono.
Allora mi fermai guardando indietro,
notando che in certi punti
c'era solo un'orma...
Questi posti coincidevano con i giorni
più difficili della mia vita;
i giorni di maggior angustia,
di maggiore paura e di maggior dolore.
Ho domandato, allora:
"Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me
in tutti i giorni della mia vita,
ed io ho accettato di vivere con te,
perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti
più difficili?".
Ed il Signore rispose:
"Figlio mio, Io ti amo e ti dissi che sarei stato
con te e che non ti avrei lasciato solo
neppure per un attimo:
i giorni in cui tu hai visto solo un'orma
sulla sabbia,
sono stati i giorni in cui ti ho portato in braccio".

Tutti hanno provato nella loro vita sconforto e tristezza pensando di essere soli, ma non è così.  Questa poesia l’ho letta molti anni fa quando era attribuita ad un anonimo brasiliano, oggi, molti anni dopo, si può testimoniare che è opera di Margaret Fishback Powers, ma a prescindere dalla sua paternità si può certamente dire che è una  poesia che veste un po’ le vite di tutti gli essere umani. Fa riflettere e commuovere e dona nuovamente la fiducia che spesso manca per continuare il proprio cammino. Tutti pensano di essere soli nei momenti di difficoltà, mentre in verità, hanno sempre accanto la mano tesa di qualcuno pronta nel bisogno. A volte si perde una persona cara e queste parole rendono meno doloroso l’addio, altre volte si fallisce in quello che più si desidera e la fiducia ritrovata ci da la forza di andare avanti.
Questa poesia fu composta da Margaret Fishback, una ragazza canadese che ad un tratto della sua vita, si è interrogata sul cammino da affrontare. La storia di come nacque, venne smarrita e ritrovata, si intreccia al racconto appassionante di una vita intensa piena di avversità e gioie. Un po’ come quelle di tutti noi. La poesia e il successivo libro – Orme sulla sabbia - (Footprints) sono stati amati e letti da milioni di lettori e tradotti in tutte le lingue del mondo. Per molti anni si è pensato che la poesia -Ho fatto un sogno- oggi universalmente conosciuta come “Orme nella sabbia”, fosse stata composta da un anonimo brasiliano. In realtà, è la bellissima opera della scrittrice canadese, che la compose nel 1964 a Echo Lake Youth Camp, in Kingston. Margaret ha vissuto assieme al marito Paul, a Coquitlam, British Columbia (Canada). Entrambi evangelisti, hanno vissuto per molti anni in giro per il mondo impegnandosi fattivamente in favore dei bambini.

Commenti

  1. Una poesia - preghiera bellissima, un invito ad avere fiducia nel Signore:Egli è sempre al nostro fianco e ci sostiene nelle tempeste che dobbiamo atraversare nel corso della nostra vita per giungere alla meta finale e stare finalmente insieme a Lui!

    RispondiElimina
  2. Amo questa poesia la sento viva e reale, è un Credo .

    RispondiElimina
  3. credevo anche io in Dio ma dopo sono successe tante cose per me tristissime e mal accettate come la perdita del marito all'età di 49 anni, la nascità di un nipote, oggi 21enne, che soffre di una grave malattia che avrà bisogno per tutta la vita di qualcuno acconto e queste cose sono come nella poesia i peggiori nella mia vita - allora mi domando se tu SIGNORE mi hai portato in collo ed eri con me - IO non l' ho sentito e ho sofferto e soffro ancora perciò per me la poesia è priva di senso, nemmeno ho mai sentito, come scrive il primo anonimo che lui è stato con me e mi ha sostenuto nelle tempeste....

    RispondiElimina

Posta un commento