Post

Visualizzazione dei post da luglio, 2021

IL RICORDO DI KAHLIL GIBRAN

Immagine
Kahlil Gibran è stato un poeta libanese naturalizzato statunitense, nato a New York l’11 aprile 1931. Visto inizialmente come uno scrittore visionario perché le sue parole erano quelle di un profeta, capaci di forgiare le menti e imprimersi indelebili nelle coscienze.  Dall’indole solitaria e riflessiva, il poeta ha parlato del costante fluire dell’acqua, del ciclo della vita e del movimento degli astri tramutando il simbolismo naturale in una realtà effettiva dalla quale trarre preziosi insegnamenti. Le sue opere furono distribuite ben oltre il suo paese d'origine e i suoi scritti divennero famosi anche perché considerati da molti come "perle di saggezza", nonché punti di riferimento mistici. Il suo libro più celebre è stato “Il profeta” pubblicato nel 1923. Un volume peculiare, unico nel suo genere, composto di ventisei saggi scritti sotto forma di poesia. Gibran, in molti dei suoi componimenti, descrive la realtà e il mondo con termini di riflessioni spirituali. "

CON LA PAZIENZA LE COSE BELLE ACCADONO

Immagine
  Chi di speranza vive disperato muore è uno di quei proverbi che non mi è mai piaciuto, seppure ha una sua logica. Preferisco pensare che la pazienza è una grande virtù, quella qualità di chi è capace di accettare gli imprevisti, i contrattempi, le difficoltà e la sofferenza, per andare avanti con animo sereno. Certo è terribile vivere con l’incertezza di non sapere quando avverrà ciò che tanto si aspetta, ma non bisogna stancarsi di aspettare perché la meritata ricompensa prima di arrivare, attende sempre che voi l’aspettiate. La pazienza è l’aspettativa calma, una sorta di pausa dei desideri che oggi non è uno dei punti di forza della società moderna, che al contrario, mostra sempre insoddisfazione e insofferenza. Ma proprio l’impazienza impedisce di godere di ciò che si ha, avendo sempre i pensieri fissi sul futuro e su ciò che non si ha. La pazienza non ci fa abbandonare ai sensi, bensì ci fa sbattere contro l’angoscia. Le persone pazienti invece sono capaci di godersi il momento,

IL GUSTO ANANAS CONTRO I GONFIORI

Immagine
  L’ananas è il re indiscusso dei frutti tropicali dalle mille risorse e tanti effetti benefici sul corpo e salute. Appartiene alla famiglia delle Bromeliacee, originario delle zone del Sud America e conosciuto fin dall'antichità dalle popolazioni come i Maya e gli Atzechi, fino ad essere importato in Europa da Cristoforo Colombo e attualmente è diffuso in tutto il mondo.    Un digestivo snellente, e dunque forte alleato della pancia piatta  tanto ambita. Diuretico e antinfiammatorio, utile anche contro i ristagni e gli edemi. Insomma l’antidoto giusto contro qualunque gonfiore, questo frutto tropicale, ha una scorza abbastanza resistente che custodisce una tenera polpa soda, gialla e succosa, che è una vera miniera di vitamine e minerali. Il solo frutto pieno di bromelina, un enzima che si trova specialmente nel “cuore” della polpa e nel gambo e che agevola i processi digestivi, specialmente quando mangiamo proteine o carboidrati. Per questo il frutto esotico dà una mano a evitare