L’OTTIMISMO È IL PROFUMO DELLA VITA

ottimismo

Penso sia giusto pensare, così come recitava un vecchio spot televisivo che è andato in onda fino a non molto tempo fa, che l’ottimismo è il profumo della vita.  Certo fuori il tempo può essere freddo e piovoso, può essere venuto a mancare una persona cara, può essere un periodo di crisi economica, politica e morale, ma in tutto ciò ci deve pur essere un barlume di ottimismo, altrimenti non regge più niente, neanche noi stessi.

INTRODUZIONE
Di recente in una intervista, si è espresso Martin Seligman, il padre della psicologia positiva, della American Psychological Association, e autore di diversi libri come Imparare l’ottimismo. Ha parlato di ottimismo, di felicità e anche di famiglia. Secondo lo psicologo Seligman dopo la seconda guerra mondiale la psicologia si concentrò sulla cura delle ferite e del dolore, trascurando però del tutto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Oggi lui ha cambiato le carte in tavola e si è orientato verso la costruzione del benessere e di ciò che rende la vita degna di essere vissuta per essere persone libere e non sofferenti. Anche lui è dalla parte della psicologia positiva.
Secondo lui l’ottimista prende seriamente i pensieri più bui, le aspettative irrealistiche sul futuro, ma è più flessibile e più realista nel modo in cui giudica la realtà, e usa tutto questo per annullare quei pensieri neri, e per cercare la luce che è più nel profondo. Quindi le idee deprimenti e pessimistiche non impediscono di pensare in modo ottimista. Il fulcro dell’ottimismo è di essere realistici riguardo al futuro.

L’OTTIMISMO INTERIORE
Bisogna partire dal presupposto che non si può vivere senza essere ottimista. Nella norma la nostra mente è già predisposta all’ottimismo a meno tu non sia malato, depresso o altro. Infondo il futuro sarà migliore del presente, questo è il pensiero che accompagna un po’ tutti, perché, per quanto dicono gli esperti abbiamo tutti una distorsione mentale che ci porta a pensare che gli esiti di ogni cosa saranno più favorevoli a noi. Questa tendenza naturale dell’umanità ha un nome scientifico: il bias dell’ottimismo.  Oltretutto è la cosa migliore pensare che domani sarà un giorno migliore, perché  ti permette di continuare ad andare avanti, anche nelle situazioni più complicate. La buona notizia è dunque che non c’è bisogno di imporsi di essere ottimista, lo siamo già interiormente per natura. Anzi solitamente accade poi che le probabilità reali sono spesso meno rosee di quanto il nostro cervello supponga e che poi si realizzano. Il problema, quindi , è che spesso vogliamo invece essere ancora più ottimisti di quanto non sia già nella nostra natura umana. Quando qualcuno mi chiede come posso essere ottimista?, la vera domanda è come posso essere ancora più ottimista?

si all'ottimismo
Gianni . . . l'ottimismo è il profumo della vita.

TROPPO OTTIMISMO
Il fatto è che no bisogna esasperare l’ottimismo all’inverosimile, eppure in tanti lo fanno. Perdere troppo il contatto con la realtà non è mai una bella cosa, e pensare che doverosamente poi debba andare tutto bene, non è un fatto positivo, come per tutti gli eccessi. Tante persone, o forse in alcuni casi tanti disperati, si lanciano alla kamikaze  in investimenti aziendali di improbabili successi solo perché ci credono veramente. Tanti altri, legittimi sognatori, bramosi di realizzare i propri sogni, fanno scelte rischiose come diventare artisti puri, viaggiare per il mondo per anni, abbandonare tutto per un nuovo paese, puntare tutto sull'amore, sugli amici, ignorando il resto della vita. E’ giusto anche tentare di raggiungere i propri sogni ma non bisogna cadere nell’eccessivo ottimismo. Le scelte fatte seguendo l’istinto positivo e le belle sensazioni non possono prescindere dalla ragione.

I CARATTERI
L’ottimismo, che ha molte differenze dal pessimismo, vuol dire imparare a trovare aspetti positivi e soluzioni ai problemi. Non vuole dire che tutto va o andrà bene, si tratta di capire che si può sempre e comunque trovar una soluzione positiva, si può sempre fare qualcosa.
Hai presente Mi rifaccio all’esempio del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.
  • Il pessimista, com'è noto, lo vede mezzo vuoto e si lamenta che l’acqua non sarà sufficiente.
  • Il realista dice che è pieno per metà, oggettivamente, e sa che l’acqua non sarà sufficiente.
  • L’ottimista pensa che ci sia mezzo bicchiere d’acqua, lo beve e va a cercare la fonte da cui è stato riempito!

Il dato oggettivo è che esiste un bicchiere riempito per metà, il modo di affrontare dell’ottimista si differenzia per la positività di vedere la cosa. Il realista è un pessimista che vede le cose in modo negativo e giustifica quel suo atteggiamento come se fosse una visione obiettiva della realtà. Di fronte a una guerra il pessimista vede tutto nero, e si definisce realista. L’ottimista sa che si può trovare una soluzione, perché per ogni aspetto negativo, ce ne sono sempre altri positivi e sono molti di più, positivi.
  • Bisogna pensare che:
  • Ogni problema ha sempre una o più soluzioni;
  • in ogni caso c’è sempre qualcosa di buono da cui ripartire;
  • Ogni esperienza offre sempre un insegnamento;
  • non esistono problemi insormontabili che non si possono affrontare.


ottimismo il sale della vita

In effetti, il mio parere è che le persone spesso pensano che il presente sia un’epoca travagliata piena di problemi e sono preoccupate per il futuro, spesso sentono di stare vivendo una catastrofe e che il mondo stia andando a pezzi. Se abbiamo un po’ di ottimismo prendiamo i pensieri più bui e le aspettative irrealistiche sul futuro e li utilizziamo per annullarli  e credere in qualcosa di meglio con positività, andrà certamente meglio. Oltretutto rassegnarsi vuol dire morire un pò tutti i giorni. Nella nostra vita mettiamoci un pò di sale, anche questo è ottimismo.

Commenti

  1. Sarebbe bello avere almeno la voglia di pensare ottimista purtroppo il periodo in generale non aiuta. Proviamoci

    RispondiElimina
  2. Come si fa ad essere ottimisti in questo​ contesto storico

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LE DONNE. ALDA MERINI

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO