STRAPPATO ALLA VITA. RECENSIONE

Immagine
Link amazon https://amzn.to/4bcmeX3 Uno straordinario e ficcante romanzo, partorito da fatti realmente accaduti pregno di tutti i nodi, familiari e personali, irrisolti, e insieme con la nettezza di immagini indimenticabili e lapidarie. L'incipit, che racconta di una storia di un ragazzo in cerca della vita, tra tradimenti, passioni, errori, omosessualità, il tutto finalizzato a realizzare forti somme di denaro a costo della vita dell’uomo. Il macchinatore un lupo, famelico e violento in cerca di potere. Amore e abbandono, morte e autodistruzione. Inverno 2015, nella provincia di Bari. Una donna sola ha un incontro con un uomo un’unica volta. Da quella breve serata clandestina nasce un bambino che crescerà con l’aiuto della nonna. Dopo i primi anni di adolescenza Toni decide di allontanarsi dalla madre per affrontare la vita, camminando da solo tra i suoi sogni. La storia di un visionario che incontra due sorelle, con le quali intreccia una relazione, e con una di loro mette al m

CIRCOLI PER GLI OMOSESSUALI

SAUNA PER UOMINI
Ambienti dei circoli per omosessuali

Per gli omosessuali ci sono circoli, dove si entra, si fa la tessera, si paga l'ingresso e si può fare sesso con chi vuoi all'interno, purché anch'egli tesserato. Alcuni anni fa per effetto di una legge chiamata Merlin, posti del genere sono stati chiusi e lo sono tutt'ora. Però agli omosessuali, non si sa perché, ciò è consentito.

Nella puntata del 3 marzo 2017, del noto programma televisivo "Matrix", è stato documentato che a Milano uno dei 70 circoli affiliati Anddos, associazione sulla quale già era intervenuto un servizio delle "Iene", gli omosessuali hanno il privilegio di poter entrare in un circolo e pagare l'ingresso per fare sesso. Per gli eventuali interessati il tesseramento costa 17 euro e l'ingresso 10, costi veramente modici. I frequentatori sostengono che questi circoli non sono luoghi di orge e prostituzione, bensì circoli ad iniziativa culturale. Sono culturali perché a chiunque entra viene fornito materiale informativo, informazioni di prevenzione e assistenza, viene fornito perfino il preservativo. Proprio una vera cultura. 
Una volta entrati, si veste un asciugamano, che  l'unico indumento indossato (ideale per un circolo culturale), poi subito dopo vi è l'approccio inequivocabile, si sceglie il partner e si va in delle stanze illuminate solo da luci di coloro rosso. Forse non è prostituzione ma chi ci va non lo fa per motivi culturali.

anddos associazione

L'Anddos sostiene di essere un'associazione nazionale di promozione sociale che si occupa di discriminazioni sessuali, diritti civili e benessere della persona. Ha 70 circoli affiliati in tutta Italia. L’attività dell’associazione nazionale comprende iniziative culturali, campagne di sensibilizzazione e promozione di servizi. Conta su di una base associativa di oltre 200.000 persone e si occupano di diffondere informazioni, promuovendo opportunità concrete per l'aggregazione. Rappresentano un campione quanto più eterogeneo e trasversale del cosiddetto “mondo gay”. I circoli Anddos sono luoghi sicuri, pensati per il benessere, dove si possono condividere esperienze, trovare accoglienza, manifestare appieno la propria sessualità ed essere pienamente se stessi.
Chi gestisce l'Anddos (come l'ospite della trasmissione di Matrix, Rosario Coco), rimarca che si tratta di un'associazione contro la discriminazione da orientamento sessuale, dove non circola droga, seppure nessuno è addetto ai controlli. I circoli hanno un ruolo fondamentale poiché sono circoli di promozione sociale e garantiscono il sesso in luoghi sicuri, secondo  altri, di culturale non c'è niente, ci sono molti interessi per i finanziamenti pubblici che si percepiscono,  ma per lo meno è vero che si può fare sesso libero in luoghi sicuri.

Mi chiedo cosa sarebbe successo se gli stessi circoli fossero stati aperti al pubblico maschile con delle donne all'interno. Forse in questo caso non accade niente per la paura di essere additati come omofobi?

Commenti