IL TEMPO CHE PASSA LASCIA IMPERFEZIONI

Immagine
Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. C'ho messo una vita a farmele! Questa è la celebre frase pronunciata dalla famosa attrice italiana Anna Magnani, frase oggi in controtendenza con il modo di pensare e agire. Gli anni passano per tutti, non risparmiano nessuno, nemmeno gli emblemi della bellezza più celebri.  Questo vale per tutti, eppure, le persone diventano sempre più cattive ed anche loro, soprattutto loro, non risparmiano nessuno, grazie alla complicità del moderno strumento dei social network di cui sono in possesso. A chi non piacerebbe non vedere mai i segni del tempo sul proprio viso? Avere sempre una bella pelle tesa, soda, luminosa, invece questi inevitabili segni, sono l’effetto del tempo, fisiologico meccanismo dell’invecchiamento. Per la maggior parte di noi, invecchiare e vedere i segni lasciati dal tempo che passa, fa paura. Ciò accade perché siamo ancorati ad un ideale utopico di perfezione, rafforzato dalla società e dall’importanza che attri

CIRCOLI PER GLI OMOSESSUALI

SAUNA PER UOMINI
Ambienti dei circoli per omosessuali

Per gli omosessuali ci sono circoli, dove si entra, si fa la tessera, si paga l'ingresso e si può fare sesso con chi vuoi all'interno, purché anch'egli tesserato. Alcuni anni fa per effetto di una legge chiamata Merlin, posti del genere sono stati chiusi e lo sono tutt'ora. Però agli omosessuali, non si sa perché, ciò è consentito.

Nella puntata del 3 marzo 2017, del noto programma televisivo "Matrix", è stato documentato che a Milano uno dei 70 circoli affiliati Anddos, associazione sulla quale già era intervenuto un servizio delle "Iene", gli omosessuali hanno il privilegio di poter entrare in un circolo e pagare l'ingresso per fare sesso. Per gli eventuali interessati il tesseramento costa 17 euro e l'ingresso 10, costi veramente modici. I frequentatori sostengono che questi circoli non sono luoghi di orge e prostituzione, bensì circoli ad iniziativa culturale. Sono culturali perché a chiunque entra viene fornito materiale informativo, informazioni di prevenzione e assistenza, viene fornito perfino il preservativo. Proprio una vera cultura. 
Una volta entrati, si veste un asciugamano, che  l'unico indumento indossato (ideale per un circolo culturale), poi subito dopo vi è l'approccio inequivocabile, si sceglie il partner e si va in delle stanze illuminate solo da luci di coloro rosso. Forse non è prostituzione ma chi ci va non lo fa per motivi culturali.

anddos associazione

L'Anddos sostiene di essere un'associazione nazionale di promozione sociale che si occupa di discriminazioni sessuali, diritti civili e benessere della persona. Ha 70 circoli affiliati in tutta Italia. L’attività dell’associazione nazionale comprende iniziative culturali, campagne di sensibilizzazione e promozione di servizi. Conta su di una base associativa di oltre 200.000 persone e si occupano di diffondere informazioni, promuovendo opportunità concrete per l'aggregazione. Rappresentano un campione quanto più eterogeneo e trasversale del cosiddetto “mondo gay”. I circoli Anddos sono luoghi sicuri, pensati per il benessere, dove si possono condividere esperienze, trovare accoglienza, manifestare appieno la propria sessualità ed essere pienamente se stessi.
Chi gestisce l'Anddos (come l'ospite della trasmissione di Matrix, Rosario Coco), rimarca che si tratta di un'associazione contro la discriminazione da orientamento sessuale, dove non circola droga, seppure nessuno è addetto ai controlli. I circoli hanno un ruolo fondamentale poiché sono circoli di promozione sociale e garantiscono il sesso in luoghi sicuri, secondo  altri, di culturale non c'è niente, ci sono molti interessi per i finanziamenti pubblici che si percepiscono,  ma per lo meno è vero che si può fare sesso libero in luoghi sicuri.

Mi chiedo cosa sarebbe successo se gli stessi circoli fossero stati aperti al pubblico maschile con delle donne all'interno. Forse in questo caso non accade niente per la paura di essere additati come omofobi?

Commenti