IL TEMPO CHE PASSA LASCIA IMPERFEZIONI

Immagine
Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. C'ho messo una vita a farmele! Questa è la celebre frase pronunciata dalla famosa attrice italiana Anna Magnani, frase oggi in controtendenza con il modo di pensare e agire. Gli anni passano per tutti, non risparmiano nessuno, nemmeno gli emblemi della bellezza più celebri.  Questo vale per tutti, eppure, le persone diventano sempre più cattive ed anche loro, soprattutto loro, non risparmiano nessuno, grazie alla complicità del moderno strumento dei social network di cui sono in possesso. A chi non piacerebbe non vedere mai i segni del tempo sul proprio viso? Avere sempre una bella pelle tesa, soda, luminosa, invece questi inevitabili segni, sono l’effetto del tempo, fisiologico meccanismo dell’invecchiamento. Per la maggior parte di noi, invecchiare e vedere i segni lasciati dal tempo che passa, fa paura. Ciò accade perché siamo ancorati ad un ideale utopico di perfezione, rafforzato dalla società e dall’importanza che attri

A’ CUSCIENZA DI TOTO’

totò


Ci sono persone, che ogni secondo, sperano in una nuova giornata più solare, per finire meglio e ogni notte studiano come fare per campare il giorno seguente. Ci sono quelli che puzzano di fame, che si campano di stenti con le proprie miserie e pregano tutti i santi prima di addormentarsi. Ogni giorno tra un guaio e l'altro, Totò ha avuto l’arduo compito di farci gioire con una risata e in coscienza a lui possiamo dire solo un grazie. Poi ci sono tanti altri che vivono senza coscienza.


A’ CUSCIENZA
Vurria sapè ched’è chesta cuscienza
ca spiss aggia sendut a' nomina'
stong spund d fa a’ conocsenza
spiegatm che vvo' significà
aggia spiat a nu maestr 'e scola
ca ten 'e scola all'università
m'àrrit figlio mio questa parola
si usava si, ma tant tiemp fà
ora la coscienza si è disintegrata
pochi song rimasti chill là
ca a ‘sta parola restano attacati
campann’ con onore e dignità
mò c'è l'assegno a vuoto il peculato
a cambialetta e chiest cos cà
mariul ce n stann a tonnellat
'e tutt e speci 'e tutt ‘e qualità
piccirill o’ gruss o’ gigantesc
chill ca sann accom 'anna arrubbà
e chi i’ denuinz a chist chi s’immisc
so piezz gruss né chi to fa fà
mo l'ugli o fann co sapon e’piazz
o burr mocc' ta fà vumcà
a’ past pan a carn cos 'e pazz
si è aumentata la mortalità
i medicin poi che tann fatt
tann imbriacat, pure chell là
si sul nu scirupp mo' taccatt
ringrazia a dio si siegut a campà
e che vvo pozz dì certe famiglie
ca a pell guoll fann accapunà
marit, mogli, mamm, sor, figli,
famm sta zitt non m' fa parlà
perciò m'àrit sto maestr 'e scola
sta conoscenza tu pcchè a vvo' fà
niscun a ius chiù chesta parola
mò viene tu e a’ vvò ripristinà
insomma tu vvò i’ contro corrente
ma sta’ pensat chi t'à fatt fà
a gente 'e mo solo accussi è cuntend
senza cuscienza può tirà campà

POESIE TOTO
CLICCA QUI

File audio dell'interpretazione originale di Totò.  
https://www.youtube.com/watch?v=Dzc87yvvhdw

Commenti