STRAPPATO ALLA VITA. RECENSIONE

Immagine
Link amazon https://amzn.to/4bcmeX3 Uno straordinario e ficcante romanzo, partorito da fatti realmente accaduti pregno di tutti i nodi, familiari e personali, irrisolti, e insieme con la nettezza di immagini indimenticabili e lapidarie. L'incipit, che racconta di una storia di un ragazzo in cerca della vita, tra tradimenti, passioni, errori, omosessualità, il tutto finalizzato a realizzare forti somme di denaro a costo della vita dell’uomo. Il macchinatore un lupo, famelico e violento in cerca di potere. Amore e abbandono, morte e autodistruzione. Inverno 2015, nella provincia di Bari. Una donna sola ha un incontro con un uomo un’unica volta. Da quella breve serata clandestina nasce un bambino che crescerà con l’aiuto della nonna. Dopo i primi anni di adolescenza Toni decide di allontanarsi dalla madre per affrontare la vita, camminando da solo tra i suoi sogni. La storia di un visionario che incontra due sorelle, con le quali intreccia una relazione, e con una di loro mette al m

FIDEL CASTRO IL RIVOLUZIONARIO

il rivoluzionario fidel castro
NESSUN VERO RIVOLUZIONARIO MUORE INVANO

A pochi giorni dalla sua morte, le ceneri di Fidel Castro sono state raccolte in un'anfora che ha percorso tutta l'isola. Sono stati toccati tutti i luoghi che hanno scandito la storia della rivoluzione dei barbudos. L'isola saluta così uno dei rivoluzionari più discussi di tutto il Novecento.

Nacque a Birán, una frazione del comune di Mayarí, nella provincia di Holguín, dove il padre possedeva una piantagione di 93 kmq. Studiò a Santiago di Cuba, inizialmente alla scuola La Salle. Poi all'Avana, dove studiò nell'esclusivo collegio de Belén. Al termine si iscrisse alla facoltà di Diritto. Il governo dell'Avana ha deciso di tributare al 'líder maximo' nove giorni di lutto nazionale, i funerali si svolgeranno il 4 dicembre. Si potrebbero scrivere centinaia di pagine sul suo conto. Io voglio solo ricordare -in sintesi- quello che ha scritto la celebre Oriana Fallaci in una lettera a lui indirizzata, per l'intervista negata.  

New York, 1° ottobre 1983

 Signor Presidente,

mercoledì 28 settembre il Suo Ambasciatore all’Unesco, dottor Alfredo Guevara – da Lei inviato appositamente da Parigi a New York per recapitarmi il Suo messaggio – mi ha comunicato che l’intervista fissata per il mese di novembre era stata cancellata. Il motivo di questa decisione ha dell’incredibile. Questo messaggio è un insulto alla mia intelligenza e alla mia dignità. Il Suo gesto è un tradimento, nonché una mancanza di rispetto alla mia persona.

La verità è che Lei ha ritratto la parola data; mi ha tradita poiché si è pentito. E si è pentito perché ha avuto timore di parlare con me di Fidel Castro e degli argomenti per cui La consideravo un interlocutore ideale. (E anche io costituivo per Lei l’interlocutrice ideale.) In luogo di questo, Lei ha intravisto in quest’intervista il rischio che certi leader vedono in me: la donna scomoda, dal pensiero indipendente.

Si accorgerà che mercoledì 28 settembre Lei ha commesso un grave errore: non ha solo mandato all’aria un’intervista di prima qualità e di storico rilievo. Non ha solo indignato una persona che sarebbe stato molto più saggio non offendere e non insultare. Come un masso che cade pesantemente in un salone di cristallo e che infrange tutto ciò che vi è di prezioso, Lei ha distrutto qualcosa di molto più valore.

E per questa ragione, io non la assolverò.

Oriana Fallaci

Commenti