SICUREZZA O PRIVACY


privacy


Nelle scuole di ogni fascia di età stanno accadendo violenze inaudite e raccapriccianti. Spesso i ragazzi diventano vittime di alcuni “bulletti” arroganti e aggressivi. Altre volte sono proprio gli educatori o assistenti che diventano i carnefici dei loro assistiti. Assistiamo anche ad episodi di infermieri e collaboratori che colpisco i deliranti pazienti che rimangono inermi e spesso non creduti. I dati che dovrebbero essere secreti privati e custoditi con gelosia vengono impunemente venduti ai big dei mercati. Che cosa si può fare per fermare tutto questo? Tanti chiudono gli occhi su tutto, perché pensano di non poter far niente.


Allora, in ogni nuova occasione torna alla ribalta uno dei grandi dilemmi che vede sempre pareri contrapposti, Sicurezza o privacy, cosa è più importante nella vita di tutti noi. Due facce della stessa medaglia che non si riesce a far conciliare. Diventa sempre difficile far bilanciare i due pesi e mettere in piedi soluzioni che garantiscano una protezione dai rischi di atti illeciti senza violare allo stesso tempo il diritto alla riservatezza di tutti noi.
Ricordo che una delle prima volta in cui ho iniziato a sentire sbattersi in faccia i diversi pareri sul tema, risale ai fatti dell'11 settembre. Il dibattito tra i cittadini tra il giusto peso da dare alla sicurezza e quello da dare privacy. Quale interesse deve prevalere? Tra la difesa dei nostri diritti alla riservatezza delle nostre vite private e il nostro diritto ad essere protetti dalla Stato contro aggressioni terroristiche come si fa ad individuare un punto di equilibrio stabile? E’ molto difficile! Forse l’equilibrio tra i due ingredienti è l’anima della democrazia. Ricordate un attimo le discussioni sull’iPhone del terrorista di San Bernardino, nello spionaggio da parte della Cia dei governi alleati, nella legge emanata nella notte dal presidente Usa Barack Obama che allarga ai cittadini di Paesi alleati alcune garanzie degli statunitensi, tra cui la possibilità di fare causa al governo Usa. Sono tutti episodi che rimarcano ogni volta il grave problema. La cybersecurity , la garanzia della privacy e la sicurezza sono sempre al centro delle discussioni.  Le posizioni rappresentate dal Garante della Privacy e della Polizia Postale sono state esemplificative di come le diverse esigenze debbano trovare necessariamente un equilibrio e coesistere all'interno delle moderni società. L’Ufficio del Garante per la protezione dei dati personali  dice chiaramente che siamo di fronte a due piani diversi. Da un lato la protezione della sfera individuale (la cosiddetta privacy) e il rispetto di regole finalizzate al mantenimento della sicurezza, sia informatica che pubblica, e dall'altro il buon funzionamento della giustizia con l’accertamento della repressione dei reati.

Attualmente la legge permette di installare le telecamere in tutte le scuole, compresi gli asili nido, per tutelare i ragazzi che dovessero avere a che fare con insegnanti non conformi alle esigenze dell'insegnamento, oppure con “piccoli boss” che li dovessero vessare nel quotidiano. Certo che le telecamere vanno un po’ a violare una forma generica di privacy, ma di contro farebbero emergere -ed in alcuni casi frenerebbero- quei comportamenti odiosi contrari, al buon senso e all'animo umano. Molti si proclamano favorevoli alla vigilanza e al controllo, sacrificando una parte della privacy, per il benessere e la sicurezza di tutti. Altri al contrario difendono la loro privacy sacrificando tutto, anche la sicurezza del singolo. Però se da una parte tanti dicono di tenere alla riservatezza perché poi gli stessi dall’altra, con l’utilizzo di Internet, e tutto il resto, mettono tutto in piazza, alla portata di chiunque, senza alcun pudore e senza alcuna vergogna. Vengono pubblicate le foto di bambini piccolissimi, si raccontano i propri litigi, si parla dei fatti più intimi e personali, poi, in nome della privacy, non vogliono le telecamere sul posto di lavoro. E' controverso. Certo non si può avere una telecamera in ogni dove. E cosa dire in merito sul Grande Fratello, un programma demenziale e diseducativo che grazie alle telecamere registra odience importanti. Là si rinuncia alla privacy ma in nome di cosa?

E se vogliamo parlare del terrorismo che è anche una grave piaga. Sicuramente una delle armi più efficaci per combattere il terrorismo internazionale e nazionale è costituito da una continua, metodica e professionale attività di Intelligence che monitori tutti quei soggetti potenzialmente a rischio di essere terroristi, vilando una parte di quella sfera privata di tanti. Più l’attività di prevenzione criminale è efficace più diventa invasiva del singolo, nel controllo dei movimenti, nell'ascolto delle conversazioni ecc. Certo che con le telecamere o con il controllo di polizia che vi è su tutti i tipi di dati, non si riesce comunque ad emarginare in modo completo il problema della sicurezza, ma se non ci fosse proprio.

Si ritorna così, dunque e sempre, in mezzo al dubbio di optare sul fatto se valga o meno la pena sacrificare pezzi della nostra vita privata all'insegna di una presunta maggior sicurezza. Chi conosce la giusta via?

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

LE DONNE. ALDA MERINI

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO