BRIGITTE BARDOT E IL SUO AMORE PER GLI ANIMALI

Brigitte Bardot

Brigitte Bardot nasce a Saint Tropez il 28 settembre 1934 e con lei a Saint Tropez nasce il mito di tutta la sua vita. Una donna bellissima, piena di un'esistenza fatta di emozioni e dotata di una grande passione e protezione per gli animali, che sono probabilmente il suo più grande amore.

Il suo esordio come attrice sul grande schermo arriva nel 1952, con il film "Le Trou Normand", per la regia di Jean Boyer. Nello stesso anno, appena diciottenne, sposa il regista Roger Vadim con il quale vivrà una romantica storia d'amore per molti anni. In questo periodo il cinema europeo era in grande sviluppo, e certamente una mano l’ha data lei B.B. che è stata, in quegli anni, una delle pochissime attrici europee a catturare l'attenzione dei mass media statunitensi. Roba non da poco!

Dopo aver recitato già in una decina di film, sfonda definitivamente, anche grazie al marito e regista Vadim nel film “Et Dieu... créa la femme” nell’anno 1956, girato insieme con Jean Loui Trintignant. La pellicola narra la storia di una disinvolta teenager che vive in una piccola e rispettabile cittadina. Il successo è grandissimo e trasforma Brigitte Bardot in una celebrità mondiale. A questa pellicola si può attribuire la notorietà e affermazione di Star di Brigitte Bardot, nota oramai in tutto il mondo come BB. Le iniziali di una donna simbolo di innocenza, sensualità, libertà, trasgressione, voglia di vivere e di divertirsi. La sua vita, come raccontata da lei stessa nella sua autobiografia "MI chiamo B.B.", è stata una vita intensa, una girandola di amori e passioni e di incontri con tanti uomini. Tra questi uomini fortunati, ci sono stati anche due italiani Gigi Rizzi e Raf Vallone,  quest'ultimo, un uomo già impegnato con la sua famiglia che non ha lasciato. Dopo un anno da questa relazione sposa Jacques Charrier dal quale ha un figlio Nicolas-Jacques Charrier, che non vivrà mai con lei. Questo secondo matrimonio avviene nel 1957 dopo essersi separata da Roger Vadim. Nel 1962 si separa anche da questo secondo marito. 

Brigitte Bardot
Brigitte Bardot e Gigi Rizzi

Nei primi anni '60 Brigitte Bardot, a soli 40 anni di età, lascia il cinema che l’ha resa ricca e famose e si ritira nel Sud della Francia, dove arriva a tentare il suicidio e poi si dedica a quello a cui tiene di più, la difesa e protezione degli animali, facendo anche molte campagne in loro favore.

Dopo la separazione da Charrier si risposa nel 1966 con il ricchissimo playboy tedesco Gunther Sachs: la relazione dura però solo tre anni. Sposa poi nel 1992 - all'età di 58 anni - Bernard d'Ormale, esponente politico della destra francese, con il quale vive con tutta probabilità il migliore dei suoi matrimoni.


Nel 1986 crea la "Fondazione Brigitte Bardot per il Benessere e la Protezione degli Animali" finanziandola con 3 milioni di franchi, raccolti vendendo all'asta numerosi oggetti personali, compresi i gioielli. Per tutti gli anni seguenti sarà a livello mondiale una delle più influenti attiviste dei diritti degli animali, nonché tenace oppositrice al consumo della carne di cavallo.

Oggi da tanti anni vive a Saint Tropez, la stessa città che l’ha resa celebre nella villa "La Mandrague" che acquistò nel 1958, con il fidanzato del momento. La tenuta, immersa in una vegetazione di canne, lavanda e pini marittimi, era di proprietà di un’anziana signora che la deteneva all'epoca come un edifico diroccato. Brigitte dopo la compravendita, fece arrivare acqua, luce e gas per andarci a vivere.




In tante interviste rilasciate, Brigitte ha sempre detto che dedicherà il tempo che le rimane ancora da vivere, solo agli animali.  Anche la sua attuale residenza La Mandrague è piena di animali che le fanno compagnia. L'uomo più importante della sua vita, come dalla stessa riferito è stato il nonno, che le ha dato la forza e la spinta per realizzare prima se stessa e poi i suoi sogni. 

Commenti

Post popolari in questo blog

LE DONNE. ALDA MERINI

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO