ANIMALE ABBANDONATO. COSA FARE?

animale abbandonato

Quasi a tutti sarà capitato di imbattersi nel ritrovamento di un animale, più spesso un cane o un gatto, che sia stato abbandonato e quindi senza casa. Un animale smarrito ha un comportamento molto tipico, di quello spaesato, che si muove in modo confuso e non ha una direzione, a volte insegue ingenuamente i passanti. Chi manifesta questi atteggiamenti, quasi sicuramente si è smarrito oppure è stato abbandonato. Non è facile avere a che fare con un animale spaventato, per questo bisogna agire con la massima prudenza. Cosa fare quando si trova un animale abbandonato che ha bisogno di aiuto?

Deve essere capitato proprio a molti perché i numeri di abbandono sono impressionanti. Secondo i dati del Ministero sarebbero oltre i 2.500.000 i gatti abbandonati e oltre 150.000 i cani. I posti e le condizioni di ritrovamento sono molti ed in ogni occasione la prima cosa da fare è quella di usare il buon senso. Solitamente vengono lasciati nei terreni abbandonati, altre volte sulle strade, altre ancora sulle autostrade, possono essere sciolti o legati, feriti o ammalati. Che cosa fare quindi?
E’ necessario infondere fiducia nell'animale quindi è consigliabile chiamarlo restando accucciati, senza fare movimenti bruschi. Bisogna muoversi lentamente ed avere pazienza perché può servire anche molto tempo, se il cane è diffidente. Parlare con l’animale, tranquillizzarlo, e tentare pian piano di avvicinarlo e accarezzarlo. Offrirgli del cibo, con cautela, è sempre una mossa vincente. Verificare, se possiede un collare con una medaglietta, oppure se è tatuato nell'orecchio o all'interno della coscia per rintracciare il proprietario, è una delle prime verifiche da fare.

Nel caso in cui l’animale si trova in una situazione di grave ed imminente pericolo, la prima cosa da fare è quella di chiamare le forze dell’ordine, polizia municipale, vigili del fuoco, veterinari dell’Asl, guardia zoofila, polizia, carabinieri, se invece la situazione è gestibile e non vi è pericolo si può tentare di portare l’animale dal veterinario soprattutto se è ferito. Questi enti non possono esimersi o rifiutare l’intervento in caso di pericolo poiché è un loro obbligo d’ufficio, altrimenti incorrono nel reato di omissione di atti d’ufficio. I Servizi Veterinari delle ASL devono avere reperibilità anche notturna e festiva e sono obbligati a intervenire per il ritiro dell’animale. Ogni comune, per legge, deve essere convenzionato con un canile. Se si decide di tentare di procedere autonomamente, bisogna mantenere la calma e avvicinarsi camminando verso l’animale in maniera non diretta, altrimenti potrebbe essere interpretata come una minaccia e diventare aggressivo. Stare attenti ai segnali che trasmette come, denti scoperti, ringhi, pelo irto, se questi segnali sono presenti forse è molto impaurito e diffidente, ed è quindi meglio non avvicinarsi e far intervenire gli esperti dell’ASL o di una delle tante associazioni di tutela degli animali presenti in tutta Italia. Se invece si lascia avvicinare puoi rifocillarlo con un poco di acqua e di cibo. Il cibo, spesso, è anche un ottimo modo per stringere amicizia immediata  e per far capire all'animale che non gli faremo del male.

Se si chiama la polizia locale, oppure il servizio veterinario dell'ASL, l'Ente Protezione Animali (Enpa) o una delle associazioni di volontari che si occupano di animali abbandonati, loro provvederanno al recupero dell’animale che sarà portato via in osservazione per circa 10 giorni. Al termine del periodo, se non verrà trovato il legittimo proprietario, sarà resa disponibile l'adozione.

Se invece si pensa di portarlo temporaneamente a casa, perché appare in buona salute e si vuol prendere tempo in attesa di decidere cosa fare, comunque va portato dal veterinario, perché oltre a visitarlo e ad accertarsi che l'animale non sia malato, può verificare anche la presenza del tatuaggio o del microchip utile ad una sua eventuale identificazione e quindi risalire al proprietario. 

abbandono

Se purtroppo invece è palesemente ferito, non improvvisarsi dottori fai da te e non vanno somministrati farmaci, soprattutto quelli umani, né tanto meno vanno somministrati liquidi o cibo, bisogna subito portarlo dal veterinario. Per evitare di peggiorare eventuali traumi o fratture è meglio appoggiarlo su qualcosa di rigido che finga da barella. Ricordiamoci che solitamente per i cani è più semplice individuare il suo proprietario perché vi è l’obbligo alla registrazione, mentre per i gatti trovati diventa un po’ più complicato perché non c'è ancora un'anagrafe e quindi, anche se si è perso è quasi impossibile risalire al suo proprietario. Si può tentare con dei volantini nei pressi della zona del ritrovamento considerato che solitamente all’inizio non si allontanano più di tanto. Il tutto si complica ancora di più quando si ritrova un cucciolo perché è più delicato di un adulto e qualunque segno di malessere, come vomito o diarrea, ci deve mettere in allarme. Ma anche se non hanno sintomi evidenti, i cuccioli possono essere affetti da qualche malattia se non sono stati trattati. Anche in questo caso, pure se decidi adottarlo, bisogna portarlo subito dal veterinario. E’ meglio non fare neanche un bagnetto se non è stato prima visitato.

L’ASPETTO NORMATIVO. L'abbandono degli animali è un reato penale previsto e punito con l'arresto fino a un anno di carcere e una multa fino a 10.000 euro. Se l'animale abbandonato provoca un incidente, il proprietario ne è responsabile e può essere chiamato a rispondere anche di omicidio colposo. Le statistiche più recenti affermano che negli ultimi 10 anni gli incidenti provocati da animali smarriti, abbandonati o randagi sono stati oltre 50.000, con più di 4.000 feriti e circa 300 morti. Chi è testimone di un abbandono è tenuto a denunciare l’accaduto fornendo qualunque riferimento utile all'identificazione del colpevole. Gli articoli di legge che regolamentano tali comportamenti sono l’art. 727 del codice penale che testualmente recita “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze". Oltre il suddetto articolo è intervenuto altresì un riferimento normativo introdotto dalla legge 189/2004 che sanziona anche comportamenti idonei a provocare sofferenza agli animali.  Oggi la tutela degli animali nell'ordinamento italiano risulta rafforzata, grazie all'inserimento, nel libro II del codice penale, del titolo IX bis relativo ai delitti contro il sentimento per gli animali. Non bisogna mai prelevare un animale dal territorio senza prima aver contattato le autorità competenti salvo che non si tratti di situazione di evidente pericolo ed urgenza che si può poi documentare.

SENTIMENTI DELL'ANIMALE. Prima di abbandonare un animale riflettete sul fatto che anche loro sono esseri viventi e provano sentimenti. Li dimostrano ogni giorno attraverso il linguaggio del loro corpo, state quindi attenti agli effetti che faranno i vostri atteggiamenti. Provano gioia dopo aver fatto qualcosa di buono, così come sono tristi quando un membro della famiglia muore. La scienza con i suoi studi si è molto evoluta ed ha affermato che i cani provano emozioni e sentimenti come gli esseri umani. Rifletteteci!

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

LE DONNE. ALDA MERINI

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO