IL TEMPO CHE PASSA LASCIA IMPERFEZIONI

Immagine
Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. C'ho messo una vita a farmele! Questa è la celebre frase pronunciata dalla famosa attrice italiana Anna Magnani, frase oggi in controtendenza con il modo di pensare e agire. Gli anni passano per tutti, non risparmiano nessuno, nemmeno gli emblemi della bellezza più celebri.  Questo vale per tutti, eppure, le persone diventano sempre più cattive ed anche loro, soprattutto loro, non risparmiano nessuno, grazie alla complicità del moderno strumento dei social network di cui sono in possesso. A chi non piacerebbe non vedere mai i segni del tempo sul proprio viso? Avere sempre una bella pelle tesa, soda, luminosa, invece questi inevitabili segni, sono l’effetto del tempo, fisiologico meccanismo dell’invecchiamento. Per la maggior parte di noi, invecchiare e vedere i segni lasciati dal tempo che passa, fa paura. Ciò accade perché siamo ancorati ad un ideale utopico di perfezione, rafforzato dalla società e dall’importanza che attri

LA SPERANZA DI ANTONIO DE CURTIS

totò


Una delle più belle poesie di Antonio de Curtis in arte Totò, che parla della speranza, un sentimento tanto importante nella vita di ognuno, che ci da la forza di andare avanti nei momenti più brutti, che purtroppo non mancano mai. 

A tutti capita di avere paura, di essere preoccupati per quanto accade, ma la speranza non deve finire, è la voglia propria che abbiamo, innata nell'animo umano, che deve darci ancora una volta una possibilità. Non bisogna mai mollare e darsi per vinti. La speranza ci dà la forza di rialzarci quando tutto sembra perduto, quando sembra che non c’è più niente da fareE’ proprio in quei momenti che bisogna ricorrere alla speranza, che ci fa rialzare per riprendere il nostro cammino e rendere ancora tutto possibile, anche nelle situazioni più difficili. Non è mai detta la parola fine perché tutto può sempre e comunque cambiare. 

'A speranza
Ogne semmana faccio na schedina:
mm a levo 'a vocca chella ciento lire,
e corro quanno è 'o sabbato a mmatina
'o Totocalcio pe mm' 'a ji a ghiucà .

Cuccato quanno è a notte, dinto 'o lietto,
faccio castielle 'e n'aria a centenare;
piglio 'a schedina 'a dinto 'a culunnetta,
'a voto, 'a giro, e mm' 'a torn' 'a stipà

Io campo bbuono tutta na semmana,
sultanto 'o lluneri stongo abbacchiato,
ma 'o sabbato cu 'a ciento lire mmano
io torno n'ata vota a gghi a ghiucà .

Nun piglio niente, 'o ssaccio... e che mme 'mporta?
io campo solamente cu 'a speranza.
Cu chi mm'aggia piglià si chesta è 'a sciorta,
chisto è 'o destino mio... che nce aggia fà ?

'A quanno aggio truvato stu sistema
io songo milionario tutto ll'anno.
'A ggente mme pò ddi: - Ma tu si scemo?
Ma allora tu nun ghiuoche pe piglià ? -

Si avesse già pigliato 'e meliune
a st'ora 'e mo starrie già disperato.
Invece io sto cu 'a capa dinto 'a luna,
tengo sempe 'a speranza d' 'e ppiglià.



POESIE TOTO
CLICCA QUI

Link:
https://provaariflettere.com/2017/03/a-cuscienza-testo-di-toto.html
https://provaariflettere.com/2017/10/e-pezziente-di-toto-antonio-de-curtis.html

Commenti