PABLO NERUDA, MI PIACI QUANDO TACI

Pablo neruda


Quando la presenza di qualcuno a noi cara è veramente indispensabile, va bene anche il suo silenzio, piuttosto che un inutile bla bla bla, perché ci da tutto anche con un semplice suo sorriso, o una semplice  parola. In questa poesia il silenzio è usato come termine di paragone.

Mi piace quando taci

Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.

Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell'anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.

Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.

Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.

Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.



POESIE NERUDA
CLICCA QUI

Link:
https://provaariflettere.blogspot.it/2016/11/pablo-neruda-saprai-strami-vicino.html

Commenti

Post popolari in questo blog

LE DONNE. ALDA MERINI

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO