IL TEMPO CHE PASSA LASCIA IMPERFEZIONI

Immagine
Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. C'ho messo una vita a farmele! Questa è la celebre frase pronunciata dalla famosa attrice italiana Anna Magnani, frase oggi in controtendenza con il modo di pensare e agire. Gli anni passano per tutti, non risparmiano nessuno, nemmeno gli emblemi della bellezza più celebri.  Questo vale per tutti, eppure, le persone diventano sempre più cattive ed anche loro, soprattutto loro, non risparmiano nessuno, grazie alla complicità del moderno strumento dei social network di cui sono in possesso. A chi non piacerebbe non vedere mai i segni del tempo sul proprio viso? Avere sempre una bella pelle tesa, soda, luminosa, invece questi inevitabili segni, sono l’effetto del tempo, fisiologico meccanismo dell’invecchiamento. Per la maggior parte di noi, invecchiare e vedere i segni lasciati dal tempo che passa, fa paura. Ciò accade perché siamo ancorati ad un ideale utopico di perfezione, rafforzato dalla società e dall’importanza che attri

DIFFERENZE TRA OMICIDIO E FEMMINICIDIO

scarpa rossa da FEMMINICIDIO

Fare violenza a una persona, di qualsiasi genere sia, fisica o psichica, o addirittura ucciderla, è certamente qualcosa di sempre terribile a prescindere dal genere diviso per sesso. Personalmente non vedo proprio dov’è la necessità di distinguere il reato, sottendendo che la cosa è più grave se la vittima è una donna, ed ancora se di più se l'autore è un uomo legale da un qualche vincolo. E’ solo una discriminazione. Anche se una donna uccide un'altra donna è altrettanto grave.

Muore una donna e subito si parla di emergenza, se poi viene addirittura uccisa è vero allert, se l’autore è un uomo è orrendo e si parla di femminicidio, se lui aveva un legame con la vittima, una parola coniata a pennello. E’ inaccettabile pensare che se l’autore è un’altra donna poco importa invece. Sembra quasi che se viene uccisa una donna e l’autore è un'altra donna non importa. E’ grave solo se l’autore è uomo, perché solo gli uomini sono dei violenti, degli assassini, dei crudeli, dei prepotenti. Io se viene uccisa una donna parlo di omicidio, anche se l'autore fosse il marito.  
Da una parte è vero che vi sono delle costanti. Per la maggior parte delle vittime uccise, le circostanze sono simili, quindi vi è la consapevolezza che esiste un filo conduttore comune. Per molti anni non si è dato importanza al numero delle donne uccise per possesso, gelosia, tradimento. Sono state solo le donne attiviste dei centri antiviolenza e le giuriste più note, che per prime hanno dedicato studio e lavoro per combattere il fenomeno.
Donne ammazzate perché volevano lasciare il fidanzato, mogli uccise con figli perché hanno chiesto la separazione, giovani strangolate perché non accettavano più il fidanzato. Chi è stata bruciata, chi sparata, chi trafitta, chi soffocata, il risultato è stato sempre lo stesso. Cambiano le armi, ma i motivi sono sempre gli stessi. Nonostante tutto questo l’omicidio secondo me non ha un sesso, per molte donne sarà difficilissimo ammetterlo, ma io penso che sia così. Ritengo che una parte del problema sta nella sproporzionata forza fisica che contraddistingue un uomo dalla donna, non dalla loro crudeltà.
In effetti in alcune persone di sesso maschile vi è ancora radicata l’idea di una cultura di possesso e di sopraffazione verso la parte più debole. Però allo stesso modo ritengo che a volte questa concezione esiste anche nelle persone di sesso femminile. Si possono leggere post, commenti su facebook, oppure una qualsiasi frase scritta da qualche parte, per me è una parte di verità evidente. L’assassinio è un reato grave e non vi è pena che tenga, ma può essere compiuto e viene compiuto anche dalle donne. Lo stesso vale per tutti le altre forme di violenza.
Alcune femmine più attiviste si scagliano maggiormente contro gli autori di questi assassini quando sono uomini, perché a loro dire, scattano ingiustamente delle attenuanti insopportabili: "era ubriaco”, “era cieco di rabbia”, “era stato licenziato”, “era depresso”, “era drogato”, “era impazzito”, “gli aveva messo contro i figli”. Sostengono fermamente che queste morti sono frutto di una sistematica quanto inaccettabile cultura del possesso o della sopraffazione. In parte va detto che è vero come va anche detto che questo comportamento non è attribuibile ai soli uomini. In effetti se una donna ammazza un’altra donna tutta questa rabbia non la vedo venire fuori da parte di nessuno. Tanto meno se ne parla se la vittima è un uomo. Eppure questi casi accadono. Si sottintende, sbagliando, una maggior gravità se a morire è una donna, anche se di fatto le statistiche dicono che nella totalità degli omicidi commessi neanche un terzo riguarda le donne. Il vero e più grave equivoco è che poi si associa il concetto che se la violenza si abbatta su una donna avviene proprio in quanto la vittima è donna.
La cronaca ci mostra che lo sfocio nella violenza esiste ed il fenomeno dell’omicidio delle donne c’è, ma spesso il risultato finale di questa violenza fatta dagli uomini contro le donne è solo il risultato finale dettato da una generica forza fisica superiore. A volte infatti si legge di donne ammazzate con crudeltà, poi il giorno dopo si legge di donne indegne che gravate da frustrazione personali sfogano le loro rabbie nelle vittime più deboli di loro come i figli, che sono facili bersagli. Probabilmente se fossero state più forti le donne, avrebbero fatto violenza o omicidi di uomini in modo folle. Non dobbiamo pensare che le donne sono tutte vittime e che gli uomini sono tutti carnefici. Pensate un po’ a tutti questi casi che sono venuti fuori di recente e di estrema ed incredibile violenza commessa nelle case di cura, ospizi o asili. Lì gli autori erano quasi tutte donne. Come ve lo spiegate?
Volendo fare una brevissima sintesi diciamo che l’apposita legge fa riferimento alle violenze e reati di genere che sono aumentati soprattutto all’interno delle mura domestiche, pensando di inasprire le pene per coloro che hanno come vittime privilegiate le donne. Nel 2013 è stato emanato quell’apposito provvedimento per i casi di omicidio ove la vittima sia una donna in stato di gravidanza, oppure sia una persona della quale il colpevole sia il coniuge, fidanzato o con il quale vi sia stata una relazione affettiva, anche la convivenza. Evidentemente l'inasprimento della pena non ha prodotto risultati favorevoli.
Purtroppo esistono tante situazioni difficili, molte persone crudeli, tanti esasperati, con tutti i loro difetti e responsabilità oggettive per quello che fanno. Se la si guarda così penso che possiamo essere d’accordo che il femminicidio allora non esiste, esistono individui malvagi che si sfogano sugli esseri più deboli e fragili che possono essere indistintamente uomini o donne, bambini o vecchi, estranei o donne unite da un legame.

Commenti

  1. Un omicidio è un omicidio. Non importa il sesso. Ci sono uomini che ammazzano donne e donne che ammazzano uomini. Dalla notte dei tempi. Il termine "femminicidio" è stato preso a prestito dal movimento femminista e radical-chic femminile borghese dalla terribile scoperta di anni fa' dalla cronaca nera messicana di povere donne trucidate da schifosi criminali dopo averle sfruttate in lavori da schiavisti (comandati anche da donne)e seppellite nel deserto per cancellare le tracce del crimine orrendo. Si specula quindi sul dolore e criminalizzare tutti gli uomini. Oggi essere un uomo si è additati potenzialmente come criminali e questo è discriminatorio. Basta guardare anche la cronaca per coniare anche il termine di "maschicidio" e studiare i motivi di stalking di donne verso uomini. Ma questo non fa' notizia, non è di moda, non è trend. Altrimenti si metterebbe in crisi un sistema ipocrita fatto anche di trasmissioni televisive che fanno audience. Quindi, la violenza VA' SEMPRE CONDANNATA. Al di là del sesso di apparenza. Tra un uomo ed una donna ci deve essere sempre rispetto e amore

    RispondiElimina
  2. Una delle poche riflessioni non ipocrite che è dato leggere!

    RispondiElimina
  3. Credo che tu non conosca la differenza tra femminicidio e omicidio. Non è detto che una donna uccisa sia femminicidio, es. il caso di michelle, la ragazza uccida a Roma, non è un femminicidio, è un omicidio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’apposita legge fa riferimento alle violenze e i reati di genere che sono aumentati soprattutto all’interno delle mura domestiche, pensando di inasprire le pene per i reati che hanno come vittime privilegiate le donne. Nel 2013 è stato emanato quell’apposito provvedimento nei quali casi la vittima sia una donna in stato di gravidanza, oppure sia persona della quale il colpevole sia il coniuge, fidanzato o con il quale vi sia stata una relazione affettiva, anche la convivenza. Questa breve sintesi seppur non pienamente esaustiva non fa cambiare comunque l’opinione sull’argomento.

      Elimina

Posta un commento