COME FARE LA PRIMA MOSSA. SEDURRE


Un tempo si diceva che negli approcci è sempre l’uomo quello che doveva fare la prima mossa, poi le cose sono decisamente cambiate. Quando si è attratti da qualcuno viene spontaneo volersi avvicinare cercare un approccio, con tutta l’intenzione di riuscire nella conquista. Però farlo nel modo giusto non è sempre così semplice, anche sedurre è un'arte. Sedurre, letteralmente, significa condurre a sé e il potere della seduzione consiste proprio nel giocare con i corretti comportamenti che invitano l’altro a non rifiutare l'invito. 


Ritengo che in questo, in modo del tutto naturale, le donne siano più capaci. Il segreto della seduzione risiede nella disinvoltura, perché per suscitare l'interesse di qualcuno è necessario mostrarsi come si è veramente, creare l'occasione giusta e stabilire gradualmente un contatto fisico. Cercare di mostrare i propri interessi, i propri obiettivi e le proprie idee con un pizzico di convinzione in più, perché è fondamentale avere fiducia in se stessi e sentirsi attraenti quando si sta cercando di sedurre qualcuno, uomo o donna che sia. In altre parole, non si deve mai fingere di essere qualcun altro. Un tempo, fino agli anni 50, essere indiretti era una strategia molto comune per le donne e gli uomini, periodo in cui molte donne credevano che gli uomini dovessero sempre e comunque fare la prima mossa. Nel XXI secolo, non è più consigliabile comportarsi come in quegli anni, è preferibile cambiare strategia perché cercare di essere indiretti è un gioco più adatto ai nuovi adolescenti, quando hanno una cotta per qualcuno. Forse si può vivere la condizione di quasi paura o si vuole semplicemente evitare di essere feriti da un rifiuto, oppure ancora si preferisce avere un maggiore senso di controllo in una situazione più adeguata, tutto questo spesso guidato da una forte timidezza. 

Un primo quadro della situazione la si legge cercando quei segnali del linguaggio del corpo, come il contatto visivo prolungato, per cercare di capire se si ottiene una risposta positiva o negativa. Alcune donne potrebbero esporre certe aree del proprio corpo come il collo o altro, oppure si può notare una ricerca più rapida del contatto personale come appoggiare un braccio sulla spalla, sfiorarsi le mani, sfiorarsi con le gambe. Può essere casuale e apparentemente distratto, ma, di fatti, non lo è. Sfiorare la mano o il braccio di chi abbiamo di fronte per soli due secondi serve ad aprire una comunicazione molto più intima di quello che sembra. Poi molto del comportamento dipende dai sessi e dalla loro natura. Solitamente gli uomini non tentano l’approccio in modo indiretto, non parlano indirettamente e certamente non sentono le cose indirettamente. La comunicazione indiretta lascia il tempo che trova, niente di più. Gli uomini non sono lettori mentali mentre le donne hanno l'opportunità di esprimere apertamente i loro sentimenti. Magari una donna vuol comunque apparire seria e può pensare che per una donna sia sbagliato fare il primo passo, ma questa non è più una convezione sociale esistente. Nonostante questo, mi sembra che sono molte, ancora, le donne che non riescono a fare la prima mossa, oppure forse guardo male io. Forse per insicurezza, non sono sicure al 100% fino a quando non è l’uomo a fare comunque la prima mossa, il primo passo. Per questo dico alle donne che non ha senso essere indiretti con un uomo, se lo pensate, vi posso assicurare che siete in errore. Meglio parlare chiaramente, dirlo in modo efficace. Prima si parla, e meglio è. 

In certe situazione è naturale essere indecisi e non sapere come far accadere le cose, così, ci si ferma in un angolo a chiedersi perché le cose non vanno come si desidera? Non serve mettersi in un angolo, se qualcuno ci piace è meglio dirlo. Infondo è una cosa facile da mettere in atto, se si è aperti, dallo spirito intraprendente, e anche se non lo si è, si può dire alla persona che si ha davanti che ci piace, che è una bella persona! Allo stesso modo di come si esprime un non gradimento quando si è davanti ad una persona che non ti interessa e magari si prova ad esprimere il gradimento per una terza persona. In questo modo si farà capire agli altri cosa non ci piace a chi ci sta vicino. Quando ci si sente pronti a fare la prima mossa in totale serenità, la postura deve essere morbida e accogliente, con una vicinanza fisica, uno sfioramento apparentemente involontario, un tocco quasi impercettibile, un gesto sottile e gentile. Un consiglio utile è quello di guardare le sopracciglia dell’altro per capire. Se, qualcuno ti guarda per la prima volta e alza le sopracciglia, allora sono attratti da te. Si tratta di un istinto naturale. Al primo contatto visivo iniziale le sopracciglia si sollevano quando si guarda il viso di una persona per la prima volta, se piace quello che si vede. Indica il piacere di vedere qualcuno e la disponibilità verso un'interazione socialeSi guarda negli occhi l’oggetto del desiderio, e chi è guardato, prima o poi non resisterà e distoglierà lo sguardo dal punto dove si trova, per dare uno sguardo in risposta. Se la pupilla sarà leggermente dilatata, è un buon segno. Dopo questo farsi guardare sarà più facile. 

I messaggi che si inviano con uno sguardo intenso non sono atteggiamenti che si rifanno a comportamenti di cortesia e di galanteria. Gli uomini fanno la corte in modo diretto solitamente non si vergognano di fare anche moltissimo per una donna che a loro piace. Quando si è fatta la prima mossa se le avances non sono state rifiutate, allora si può alzare il tiro e rubare un bacio seppure ci vuole un bel coraggio per baciare qualcuno, se ci si sente ancora a proprio agio. Comunque concludendo voglio dire che è meglio esprimere ciò che si prova perché altrimenti se mai nessuno fa il primo passo, la prima mossa, non si saprà mai cosa potrebbe accadere in futuro. Facendoci coraggio magari si scoprirà che si sta solo perdendo tempo, o che magari l’altro è la persona giusta e quindi in entrambi i casi è meglio scoprirlo, piuttosto che rimandarlo. Buona fortuna! 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

LE DONNE. ALDA MERINI

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO