STRAPPATO ALLA VITA. RECENSIONE

Immagine
Link amazon https://amzn.to/4bcmeX3 Uno straordinario e ficcante romanzo, partorito da fatti realmente accaduti pregno di tutti i nodi, familiari e personali, irrisolti, e insieme con la nettezza di immagini indimenticabili e lapidarie. L'incipit, che racconta di una storia di un ragazzo in cerca della vita, tra tradimenti, passioni, errori, omosessualità, il tutto finalizzato a realizzare forti somme di denaro a costo della vita dell’uomo. Il macchinatore un lupo, famelico e violento in cerca di potere. Amore e abbandono, morte e autodistruzione. Inverno 2015, nella provincia di Bari. Una donna sola ha un incontro con un uomo un’unica volta. Da quella breve serata clandestina nasce un bambino che crescerà con l’aiuto della nonna. Dopo i primi anni di adolescenza Toni decide di allontanarsi dalla madre per affrontare la vita, camminando da solo tra i suoi sogni. La storia di un visionario che incontra due sorelle, con le quali intreccia una relazione, e con una di loro mette al m

CHE ME MANCA DI TOTO’

che me manca

Ordina le poesie di Totò Clicca qui

Una delle poesie di Totò che più amo, è questa intitolata che me manca, perché seppure forse tra le più famose non è, parla di una grande verità, ovvero l’impossibilità di poter comprare tutto con il denaro. Ogni uomo ha dentro di se sentimenti di speranza che ci danno la forza di andare avanti, e taluni più facoltosi spesso credono di comprare tutto con la forza del soldo.

Antonio de Curtis, più noto come Totò è stato battezzato il gran principe della risata, conosciuto in tutto il mondo per il suo irriverente modo di vivere la vita, capace di far divertire sempre recitando in modo singolare e trasmettendo messaggi, di goni tipo, talvolta anche amari sulla verità e sulla realtà. Nato a Napoli il 15 febbraio 1898 è morto nell’anno 1967, rimanendo comunque un personaggio senza tempo, in grado di far ridere anche le generazioni moderne. Una grande persona, che con questi versi ha voluto sottolineare che con il denaro non si può comprare tutto e che il denaro  da solo non fa la felicità.

Che me manca!

I' tengo 'e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d'oro, nu vapore argiento...
palazze, ville... case in quantità.
Chi è cchiù felice 'e te?! - mme dice 'a ggente.
Si ricco, si guaglione... che te manca? -
E chest' è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà...
Nu core... tutto core 'e tennerezza
ca me vulesse na muntagna 'e bbene...
ca me sbattesse 'mmano p' 'a priezza,
cuntento pe mme dà 'a felicità.
Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta 'e na figliola:
Che t'aggia dà pe m'accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t'aggia dà? -
Me rispunnette cu bella maniera:
'O core nun se venne... se riala...
crediteme, ca io ve sò sincera...
cu 'e llire 'o core nun se pò accattà!

                             Antonio de Curtis in arte Totò

Commenti