QUALE COLLARE SCEGLIERE

collare


Il collare per il nostro cane. La vita di noi essere umani si è legata sempre più a quella dei nostri cari animali. La percentuale è in continua crescita, infatti, circa un italiano su quattro possiede un animale di compagnia e naturalmente il cane è quello più scelto. Questi sono i dati forniti da una ricerca dell’Eurispes, seppure le varietà degli animali tenuti in casa sono tantissime, anche quelle impensabili. 


Il cane, ed io ne ho uno, è l’animale probabilmente più empatico, che dimostra di essere capace di sentimenti profondi verso l’uomo. Probabilmente il motivo più comune di questa convivenza, uomo cane, è l’amore incondizionato dell'animale nei confronti del proprietario e dei suoi familiari, essere viventi che non giudicano né la personalità né l'aspetto delle persone. Una delle fasi più lieta della loro giornata è senz'altro quella della passeggiata, che è opportuno svolgere in un certo modo per il rispetto di tutti. L’accessorio principe di questa attività è il collare da legare al guinzaglio. Il collare è indispensabile durante le passeggiate col l’amico di zampa e va scelto tra una vastità di modelli. Esistono in nylon, imbottiti, collari in pelle, in cuoio, in acciaio, regolabili, tubolari innovativi, di ogni gusto e design, pure griffati e tanto altro ancora. Qualunque si la vostra scelta è necessario averlo per permetterci di portare a spasso con noi, il nostro cane, senza il pericolo che possa fuggire o creare danni a terzi. Scegliere il collare giusto non è cosa da poco perché deve avere delle caratteristiche particolari, che possono variare in funzione della razza dell’animale o della sua indole. 

Il collare innanzitutto deve essere resistente, per evitare che si rompa durante le camminate, senza esagerare nelle dimensioni perché un collare troppo pesante potrebbe causare problemi fisici o irritazioni. E’ consigliabile allacciare al collare una etichetta per recare poi il nome identificativo del cane ed il numero di telefono del suo padrone, nel caso in cui si perda. Va ben legato ma non troppo stretto, né tanto meno deve essere troppo largo altrimenti il cane rischierà di sfilarsi il collare mentre lo stiamo portando a passeggio. È fondamentale che il cagnolino si abitui fin da cucciolo a portare il collare e ricordiamo che portare a passeggio il cane, senza collare e guinzaglio può essere molto pericoloso. Va fatto indossare in modo graduale in maniera tale da dare il tempo al nostro amico peloso di abituarsi allo stesso e di riconoscerlo come oggetto innocuo e divertente, dopo di che, va utilizzato in maniera costante. Per i più apprensivi esistono anche i collari con gps che aiutano a rintracciare l’amico di zampa ovunque. Esistono una varietà infinita di collari personalizzati per cani da quelli luminosi a quelli fluorescenti, ecc. Un collare può essere personalizzato all'infinito e per mille motivi, ma la cosa più importante è che assolva alla sua funzione. La scelta che deve essere fatta è che sia idoneo con facilità ad agganciare il guinzaglio, consentire di metterci la piastrina o la medaglietta di riconoscimento e sia resistente in relazione alla taglia, per delle passeggiate sicure. 

QUALCHE CONSIGLIO LAMPO
per un cucciolo appena adottato il collare ideale è quello a fascetta perché si adatta perfettamente al cane, non stringe e non danneggia il pelo;  
se il cane non è mai stato abituato prima al guinzaglio, da chi lo aveva in precedenza, certamente il primo approccio al collare dovrà essere fatto con la tipologia a fascetta; 
per quanto riguarda il materiale consiglio però di prediligere il tessuto e il nylon rispetto al cuoio, questo per una maggiore tollerabilità ed un rispetto del pelo dell’animale. 

Non mi piacciono i collari a strozzo o semistrozzo soprattutto per i cuccioli. Da evitare completamente nel caso di cane che ha problemi o disturbi respiratori. Da utilizzare solo per cani già grandi e già abituati alle passeggiate.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

LE DONNE. ALDA MERINI

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO