L’AFASIA DEGLI ADOLESCENTI

afasia


Che cosa è l’afasia? Con il termine afasia, che deriva dal greco φασία ovvero mutismo, si intende far riferimento alla perdita della capacità di comporre o comprendere il linguaggio, l’incapacità di esprimersi mediante la parola o la scrittura o di comprendere il significato delle parole dette o scritte da altre persone. L’incapacità di comprendere dovuta ad una alterazione dei centri e delle vie nervose. Si tratta di un problema che fa pensare da una malattia, ma io vedo che oramai questo termine potrebbe essere genericamente utilizzato per indicare tanti altri casi, una buona parte di essi gli adolescenti, ma non solo loro. 


Si proprio loro sono le persone che inappropriatamente, forse, potrei definire affetti da afasia. Spesso con la testa altrove, lo sguardo perso, le spalle curve, e fissano e pensano chissà a cosa. Chiusi nel loro mondo solitario, virtuale, decidono ad un certo punto, volontariamente di non parlare più. Se ci riflettiamo un po’ uno dei tanti contro sensi moderni, dove c’è chi sceglie in modo ostinato di non parlare e rimanere in silenzio, in un mondo sopraffatto dalla comunicazione. L’afasia all'interno della comunicatività. Un problema che sta colpendo gli adolescenti, e non solo, nell'uso del linguaggio, quella caratteristica umana che più ci contraddistingue dagli animali, come se qualcuno o qualcosa volesse smussare le punte espressive, ed avvicinarci al regno animale, che forse non sarebbe male per certi versi. A volte istintivamente penso di comportarmi allo stesso modo, quando mi rendo conto che parlare è del tutto invano, per l’incapacità degli altri di comprendere, però fortunatamente subito, dopo questa voglia passa. 

Oggi si sente parlare anche più frequentemente di hikikomori, ragazzi che si rinchiudono fra le mura domestiche trasformando la casa in dissociamento totale da tutto e da tutti, dalla realtà. Ragazzi che decidono autonomamente di spegnersi, che non desiderano più vivere, sembrano stiano diventando un sintomo reale dei nostri tempi, un fenomeno figlio della nostra epoca, che non sa trovare le giuste parole per stare vicino a chi sta male e forse non sa il perché. Nonostante si parla di un argomento così delicato, come l’auto distruzione o la morte l’argomento non viene trattato in modo esaustivo con tutta la sua fragilità. La rimozione della  fragilità in quest’epoca che ci vuole tutti necessariamente performanti e vincenti in ogni contesto. Sembra che sia proprio questa epoca che ha coniato questa forte mutazione di vita che riguarda soprattutto l’adolescenza. Sull'argomento che ho già trattato rimando ad posto di qualche tempo fa che riporto a fine pagina. Solo dieci anni indietro ricordo un significativo mutamento del linguaggio da parte dei giovani, fatto di una comunicazione abbreviata, deformata, spicciola, un vero passa parola di termini ridotti, sgrammaticati che un celebre comico e cabarettista di zelig “Pino Campagna” simpaticamente riportava. Ma solo dieci anni dopo vedo, o meglio noto, un vero ritiro simbolico dal mondo comunicativo. Forse molti giovani puntano tutto o quasi sulla fotografia. 

La cattura di un momento, chiusa in uno scatto, che vuol dire tutto. Una foto e basta, poi, dopo, una volontaria segregazione nel mondo del silenzio. Eppure questa è l’era social fatta di giovani e meno giovani smartphonisti, che per loro fortuna sono in qualche modo ancora collegati, oltre che con la rete, con quella parte di generazione parlante, ma cosa accadrà un domani quando tutti potrebbero diventare silenti, non più connessi alla realtà dalla generazione intermedia? Prima di questa fantasmagorica epoca avvolta dalle tante forme di comunicazione, le persone conversavano in famiglia, magari litigavano, parlavano sul treno, discutevano al bar, oggi, invece, tutti isolati seppure con tante gente intorno, cellulare alla mano, proferiscono solo qualche parola per quelle cose ordinarie come ordinare un caffè, almeno fino a quando qualcuno non farà un’App pure per quello. Per il resto si fa tutto con il cellulare. Siamo tutti presi dalle mille cose da fare e viviamo a ritmi velocissimi, tali da renderci conto che è necessario soprattutto comunicare anche il semplice scambio verbale occasionale. Non bisogna arrivare a perdere la capacità di mettersi in relazione con gli altri e di sperimentare nuove situazioni. Purtroppo il successo raggiunto dalla rete ha sgretolato i legami sociali perché le persone si sentono più a loro agio a riportare un loro malessere su di un social, piuttosto che confidarlo ad un amico e si è persa quindi anche la capacità esprimere la propria rabbia.


Secondo lo psichiatra Manfred Spitzer, nel suo ultimo saggio “Connessi e isolati” (Corbaccio): una pandemia di solitudine, capace di condurci a molte malattie. E con una manifestazione evidente: la tendenza all'isolamento, l’esclusione degli altri. Soppressa, aggirata, imbavagliata: mai come oggi la parola è sotto assedio. Sovrascritta da un costante chiasso di fondo. Svuotata di senso da una comunicazione continua, e a tutti i costi: il traffico delle città, il chiacchiericcio ovunque, il frastuono delle case, le voci alzate per farsi più sentire, l’illusione di un’interazione ininterrotta sui social network. Intanto, un silenzio inquietante si fa strada. Soprattutto tra i più giovani.

DA LEGGERE:

I giovani, figli o altro che siano, vanno sempre e comunque amati e aiutati perché sono loro il futuro, colore che in ogni modo continueranno a far esistere la nostra specie, che è uno dei motivi, che a mio parere, giustifica la nostra esistenza.

Link:


Commenti

Post popolari in questo blog

LE DONNE. ALDA MERINI

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO