LA MIA GATTA È ANDATA VIA

gatto femmina


E’ nata e cresciuta in casa. Penso che ha ricevuto tutto, coccole, calore, cure, affetto, cibo, gioco, eppure dopo qualche anno ha deciso di andarsene via. In effetti non è andata molto lontana, ma è andata via di casa e preferisce vivere a pochi metri da casa, ma comunque fuori di casa. Eppure io in cambio mi aspettava affetto disinteressato.

 
Un tempo era sempre lì ad aspettare il cibo, faceva le fusa, graffiava quello che capitava ma poi è arrivato il momento dei saluti, senza neanche un saluto. Solo qualche miao quando l’incontro.
 
Forse sta seguendo la sua natura, la sua strada, oppure forse è colpa mia che le ho fatto qualcosa che non dovevo o non le ho fatto qualcosa che dovevo. Ora il ritorno casa è un po' diverso, manca qualcosa che avevo trovato.
 
D’altra parte penso che vanno via i figli, se ne vanno i genitori,  vanno via gli amici, le mogli, allora perché non doveva andare via lei, una gatta?
 
Certe volte penso che neanche lei sa perché se ne è andata, sarà certamente grata per tutte le attenzioni che ha avuto, ma le ha ricambiate, a suo modo, con le sue fusa.
 

Non penso c’entri averla trattata bene, o forse male, è solo che ad un certo punto ha deciso di non voler più stare.

Commenti

Post popolari in questo blog

LE DONNE. ALDA MERINI

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO