ABORTIRE. L'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA È UN DIRITTO?

nuova vita e aborto
 

Se hai deciso di abortire, in Italia puoi farlo e la tua scelta è regolata dalla legge 194/78.

Hai quindi il diritto di interrompere la gravidanza e nessuno può farti pressioni per influenzare la tua scelta. Si può anche scegliere l'aborto farmacologico, con la Ru486
 
in polonia donne protestano contro la legge anti abortoIn questi ultimi giorni a Varsavia, si sta sviluppando una forte protesta delle donne contro il progetto governativo di vietare l’aborto. La manifestazione è cominciata sotto il parlamento con tantissime donne vestite di nero, come a lutto. Queste donne protestano contro quello che, a loro dire, sono delle restrizioni volute dallo stato e dalla chiesa. I manifestanti hanno esposto anche degli striscioni contro i vescovi: "No all'ingerenza della chiesa in politica".

 

Ma anche in Italia, secondo quanto afferma il Consiglio d'Europa le donne continuano a incontrare "notevoli difficoltà" nell'accesso ai servizi d'interruzione di gravidanza. Quindi l'Italia violerebbe il loro diritto alla salute. Questo è stato affermato a seguito di un ricorso dalla Cgil. Secondo Strasburgo a rendere problematico l'accesso all'aborto, vi è anche il problema della diminuzione sul territorio nazionale, del numero di strutture dove si può abortire.

Si palesano sempre dubbi sul diritto alla salute, soprattutto in casi specifici, come quello della morte di Valentina Milluzzo, la mamma di due gemelli morta dopo l'aborto a Catania. Il Ministero della Salute però spiega che si è trattato di un evento abortivo iniziato spontaneamente, inarrestabile, trattato in regime d'emergenza, che non ha legame con il medico obbiettore che l’ha soccorsa. Vengono dunque cancellati gli iniziali sospetti di un intervento tardivo da parte dell'équipe ospedaliera per motivi etico-religiosi.

Ma cosa pensano, in merito, le donne che non hanno mai avuto una gravidanza?

 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO DELL’ALBERO DELLA VITA. SIMBOLOGIA

LE DONNE. ALDA MERINI

PABLO NERUDA. SE SAPRAI STARMI VICINO

REALIZZARE UN VELENO